Catanzaro: licenziati e manganellati

Da giorni stanno manifestando a Catanzaro per il paventato licenziamento di 20 di loro. La disperazione ha colto alcuni dei dipendenti della ditta di autobus Lirosi di Gioia Tauro, che hanno occupato anche i binari della stazione ferroviaria di Catanzaro Lido. Due di loro hanno minacciato di darsi fuoco, dopo essersi cosparsi di benzina. La situazione sembrava davvero precipitare. Le parole non bastavano più e si era vicini alla tragedia. Nella concitazione, un lavoratore ha accusato un malore ed i suoi colleghi, secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, hanno cominciato a lanciare pietre contro i poliziotti. E’ allora che sono intervenute le forze di polizia. Lo scontro con i manifestanti è stato duro. Uno dei due manifestanti che si era incatenato ai binari è stato portato in commissariato, e la sua posizione è adesso al vaglio degli inquirenti. L’altro è stato accompagnato in ospedale per accertamenti. Tutti i manifestanti, poco più di una trentina, saranno denunciati. I paventati licenziamenti sarebbero dovuti alla riduzione dei fondi destinati all’azienda da parte della Regione Calabria. I lavoratori della Lirosi da giorni stanno bloccando il traffico alle porte della città. Lunedì il blocco stradale più grosso, per il quale gli autisti sono stati denunciati e i mezzi sequestrati.

This entry was posted in Notizie and tagged , , , . Bookmark the permalink.