PREMIO NAZIONALE DI FOTOGRAFIA LUCA ROSSI

«Il lavoro in un calendario – impressioni fotografiche per un futuro migliore»: è il titolo della manifestazione nata per ricordare Luca Rossi, l’operaio ucciso da un infortunio in Lucchini nel dicembre 2006 investito da un muletto.   Il concorso è organizzato dall’associazione nazionale Ruggero Toffolutti con il sostegno del Comune, dell’Autorità portuale e della Port security. E vuol offrire l’occasione per affrontare la tematica del lavoro attraverso le foto, secondo le intuizioni e la sensibilità dei partecipanti. Ecco, dunque, che il lavoro può essere speranza, dignità, sicurezza, delusione, sfruttamento, solidarietà, protesta o assumere altri significati che i partecipanti ritengono di dover focalizzare.
La partecipazione è gratuita, aperta a tutti e si articola in due sezioni: i giovanissimi (fino ai 21 anni d’età) e gli over 21. Montepremi 1.200 euro.
Per partecipare occorre compilare e sottoscrivere la scheda di iscrizione scaricabile dal sito internet www.ruggero-toffolutti.org/premiolucarossi dove è anche disponibile il bando. La giuria è presieduta dal fotografo professionista Romano Favilli, da Luciano Tovoli (regista, direttore della fotografia), Lucia Baldini (fotografa professionista), Massimo Russo (giornalista, direttore Kataweb, gruppo L’Espresso), Samanta Di Persio (scrittrice), Manuela Innocenti (fotografa professionista), Paolo Barlettani (fotoreporter professionista), Renzo Giannoccolo (sindacalista). Ne fanno parte anche i familiari di Luca, Marina Rossi e Giancarlo Sbrilli mentre l’associazione organizzatrice è rappresentata da Matteo Toffolutti, Abdellah Berriria e Fabio Falorni. Il progetto grafico è di Massimo Panicucci.
La premiazione avrà luogo il 3 dicembre 2012 nella sala consiliare del palazzo comunale. Lo stesso giorno in cui, sei anni prima, Luca a 42 anni perse la vita al Tve.
L’Associazione Ruggero Toffolutti dal 1998, anno in cui Ruggero Toffolutti morì nella fabbrica della Magona, si batte per diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro, con ogni mezzo non violento. A fondarla sono stati proprio i genitori di Ruggero e nell’arco degli anni sono diventati membri dell’associazione rls, avvocati del lavoro, lavoratori e lavoratrici di tutta Italia e familari di altre vittime del lavoro tra cui la moglie di Luca Rossi, Elena Rossi.
http://www.ruggero-toffolutti.org/premiolucarossi/index.htm
http://www.ruggero-toffolutti.org/

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.