Giugno: si muore e il lavoro va avanti

30 GIUGNO

ASSISI (PERUGIA) – E’ in corso ad Assisi la prima Marcia nazionale per la sicurezza sul lavoro, organizzata dall’Anmil, l’Associazione dei lavoratori mutilati ed invalidi del lavoro. Secondo le prime stime degli organizzatori, sono in circa 3.000 le persone, provenienti da tutt’Italia, che stanno coprendo il percorso nel centro storico assisano che va dalla basilica di Santa Chiara a quella di San Francesco. Assisi – hanno sottolineato gli organizzatori della marcia prima della partenza – e’ stata scelta come luogo simbolo di tanti valori positivi come la solidarietà e la fratellanza, e la decisione di tenere in Umbria la prima marcia per la sicurezza sul lavoro e’ motivata dal fatto che proprio l’Umbria detiene il primato negativo del tasso d’incidenza di infortuni rispetto al numero di lavoratori. A marcia conclusa, intorno alle 12, i partecipanti si trasferiranno a Santa Maria degli Angeli, dove il vescovo di Assisi, monsignor Domenico Sorrentino, celebrera’ una messa.

CENTOLA-PALINURO (SALERNO) – Sono in corso le operazioni di recupero di quattro sommozzatori romani che, secondo quanto si e’ appreso, sono morti all’interno della ‘Grotta del Sangue’ presso Capo Palinuro (Salerno). 

28 GIUGNO

SALERNO – Un operaio di 42 anni ha perso la vita folgorato da una scarica elettrica. E’ accaduto a Nocera Superiore (Salerno). Antonio Medoro di Olevano sul Tusciano, sposato e con figli, dipendente di una ditta di Sarno, stava operando in una cabina elettrica quando e’ rimasto folgorato da una potente scarica elettrica. A nulla sono valsi i soccorsi immediati. L’uomo e’ deceduto all’istante. Sull’episodio indagano i carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore. E’ la quinta vittima sul lavoro dal 2 giugno scorso nel Salernitano.

27 GIUGNO

AGROPOLI (SALERNO) – Tragedia sul lavoro ad Agropoli, nel Salernitano: un operaio di 30enne, Luigi Renzi, residente a Prignano, e’ rimasto schiacciato tra un camion e un container nel piazzale antistante il cantiere dove e’ in costruzione il cineteatro comunale, nel cuore della cittadina della costa cilentana. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, l’operaio era impegnato a stabilizzare il camion per consentire la ‘discesa’ sicura del container sul piazzale. Per motivi ancora da accertare, l’uomo e’ rimasto schiacciato tra il container e una paratia dell’autoarticolato. Nonostante l’intervento immediato dei colleghi di lavoro e di un’ambulanza, l’uomo e’ deceduto all’istante. Sono in corso indagini da parte dei carabinieri per chiarire l’esatta dinamica dell’accaduto.

26 GIUGNO

TERMOLI (CAMPOBASSO), 26 GIU – Un operaio di 51 anni, Antonio Splendido, di San Severo (Foggia), e’ mortoa seguito del crollo di un’impalcatura in un cantiere edile di Termoli sulla quale stava lavorando. L’incidente e’ avvenuto in via dei Ciclamini. L’uomo si trovava sull’impalcatura all’altezza del terzo piano di un palazzo di edilizia popolare in costruzione quando la struttura ha ceduto: l’operaio e’ precipitato ed e’ morto pochi minuti dopo. Sul posto sono intervenute le ambulanze del 118 allertate dagli altri operai e la Polizia di Stato che ha avviato le indagini. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il cantiere e’ stato posto sotto sequestro e sull’ incidente e’ stata aperta un’inchiesta.

UDINE – E’ morto dopo una settimana Massimiliano Francioli, l’operaio di 48 anni residente a Monte San Savino (Arezzo), rimasto folgorato il 19 giugno scorso all’interno di una cabina elettrica di un cantiere di Dignano (Udine). Il decesso e’ avvenuto all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine, dove Francioli era stato ricoverato dopo l’infortunio. Il referto medico attribuisce le cause del decesso a folgorazione e fibrillazione ventricolare, encefalopatia post anossica e ustioni di terzo grado agli arti inferiori. La Procura della repubblica di Udine, che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti, disporra’ l’autopsia. Per accertare le cause del decesso verra’ probabilmente affidata anche una perizia. Allo stato non sono emerse violazioni delle norme antinfortunistiche. La cabina dove l’operaio lavorava per la realizzazione di pompe per il sollevamento delle acque d’irrigazione, e’ stata posta sotto sequestro.

25 GIUGNO

VASTO (CHIETI) – In un incidente agricolo ha perso la vita a Vasto un operaio di 61 anni. L’episodio e’ avvenuto poco prima delle 11 in localita’ Salamastra in zona Sant’Antonio Abate. La vittima si chiamava Giuseppe Di Loreto, 61 anni di Montedorisio (Chieti) ma residente a Cupello (Chieti), ed e’ finito sotto una fresatrebbiatrice con la quale stava lavorando un terreno per conto terzi. Per un problema meccanico il mezzo si sarebbe sfrenato per poi rovesciarsi non dando scampo all’operaio. Sul posto luogo dell’incidente e’ giunta ambulanza del 118, i Vigili del fuoco del distaccamento di via Madonna dell’Asilo e gli agenti del Commissariato.

VITERBODue operai marito e moglie  stavano eseguendo lavori di pulizia dalle erbacce del ciglio stradale nei pressi di sulla via Aurelia nei pressi di Tarquinia, in provincia di Viterbo, sono stati travolti da un’auto della ditta per la quale stavano lavorando. Una donna e’ morta sul colpo e un un uomo e’ rimasto ferito in modo gravissimo. Secondo quanto si e’ appreso, l’auto che segnalava i lavori in corso sarebbe stata tamponata violentemente da un camion ed e’ finita contro i due operai. La statale e’ stata chiusa al traffico in direzione nord. I vigili del fuoco di Tarquinia hanno dovuto lasciare i loro automezzi a circa un chilometro e mezzo di distanza e raggiungere il luogo dell’incidente a piedi, a causa della lunghissima file di auto che si era formata sull’Aurelia, che in quel tratto non ha la corsia d’emergenza. I mezzi del 118, invece, hanno dovuto percorrere la corsia sud, quindi contromano, per arrivare sul luogo dell’incidente.

22 GIUGNO

MAIERATO (VIBO VALENTIA) – Un agricoltore, Francesco Antonio Liberto, di 62 anni, e’ mortoin un incidente sul lavoro avvenuto nelle campagne di Maierato, nel vibonese. L’uomo era alla guida del suo trattore quando, per cause ancora in corso di accertamento, e’ caduto dal mezzo ed e’ stato travolto da una fresa. Liberto e’ stato soccorso da alcune persone e dal personale del 118 ma e’ morto poco dopo. I carabinieri hanno avviato le indagini per ricostruire l’accaduto.

GIOIOSA MAREA (MESSINA), 22 GIU – Un elettricista di 43 anni, Ignazio Natoli, e’ morto in un villaggio vacanze a Gioiosa Marea (Me). L’uomo e’ rimasto fulminato mentre stava lavorando all’impianto elettrico. Indagano i carabinieri.

20 GIUGNO

REGGIO EMILIA – Un artigiano edile di 55 anni residente nel Reggiano e’ morto in un incidente sul lavoro a Rubiera, nel comprensorio ceramico reggiano. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, l’uomo con un cestello aveva raggiunto il tetto di un capannone industriale in corso di ristrutturazione su cui doveva porre una guaina isolante. Ad un certo punto – per cause ancora al vaglio dei carabinieri intervenuti con il personale della Medicina del Lavoro dell’Usl di Scandiano – la copertura ondulata del tetto ha ceduto. L’artigiano ha caduto da circa otto metri, ed e’ morto sul colpo. La Procura avviera’ un’inchiesta.

18 GIUGNO

FOGGIA – Un operaio di 53 anni di Stornarella (Foggia), Salvatore Carbone, che era anche assessore comunale all’ambiente del suo paese, e’ morto cadendo da una impalcatura alta circa 4 metri in un cantiere edile in via degli Aviatori, alla periferia di Foggia. L’uomo era sposato e padre di due figli. A quanto si e’ appreso, avrebbe messo un piede in fallo cadendo nel vano ascensore mentre preparava la malta con altri colleghi. Dopo qualche minuto gli altri operai non vedendolo lo hanno chiamato e poi si sono accorti che era a terra esanime. Sul posto sono giunte alcune pattuglie della polizia, che sta indagando sull’accaduto, e anche dello Spesal, il Servizio di prevenzione e infortuni sui luoghi di lavoro della Asl: gli inquirenti, coordinati dalla procura di Foggia, stanno accertando le cause dell’ennesima morte in Capitanata. L’incidente e’ avvenuto all’interno di un cantiere edile dove e’ in corso la costruzione di alloggi per una casa di riposo per anziani.

16 GIUGNO

FORLI’ – Sono gravi le condizioni di una donna di 38 anni rimasta incastrata nell’impastatrice con cui stava lavorando. L’incidente nel cuore della notte, in una ditta della zona industriale di Coriano. La donna, per cause ancora da accertare, e’ rimasta incastrata nella macchina per produrre biscotti. Trasportata in codice 3, il piu’ grave, all’ospedale Morgagni-Pierantoni di Forli’, ha riportato ferite agli arti superiori. Sul posto, insieme al 118, sono intervenuti i vigili del fuoco.

15 GIUGNO

TORINO – Un operaio e’ morto in un incidente sul lavoro avvenuto nella stabilimento di stampaggio e saldatura Cellino di Bruino (Torino). L’uomo stava effettuando operazioni di manutenzione di una pressa quando, per cause da accertare, e’ rimasto schiacciato da un carrello elevatore che procedeva in retromarcia. La vittima e’ Pietro Monni, 61 anni, di Torino. Ha riportato un trauma addominale e un gravissimo trauma toracico ed e’ morto poco dopo l’arrivo dell’elisoccorso. L’uomo lavorava per l’azienda da oltre 30 anni come manutentore. Di recente era andato in pensione ma era stato richiamato come collaboratore. La ditta, che impiega un centinaio di dipendenti, e’ di proprieta’ del presidente dell’Api di Torino, Fabrizio Cellino, che ha chiuso per lutto fino a lunedi’ lo stabilimento in cui e’ avvenuto l’incidente e quello di Grugliasco (Torino). Contestualmente, i lavoratori aderenti alla Fiom-Cgil hanno proclamato uno sciopero.

12 GIUGNO

OMEGNA (VERBANIA) – Un uomo di 45 anni Pasquale Santoro, di Verbania, e’ morto per infarto al miocardio nello stabilimento Lagostina di Omegna. Santoro era dipendente della ditta Piemont Security, cooperativa di servizi che si occupa di pulizie industriali e – da quanto si e’ saputo – stava sostituendo un collega. E’ finito sotto un tornio mentre lo puliva con una soffiatrice. L’incidente e’ avvenuto mentre il reparto era fermo. L’allarme e’ stato dato da un collega che stava lavorando con lui.

11 GIUGNO

BOLZANO – Un agricoltore di 26 anni ha perso la vita questo pomeriggio in un incidente con il trattore a Naturno, in val Venosta. Il mezzo agricolo si e’ ribaltato su un prato ripido. Il giovane e’ stato travolto dal trattore ed e’ poi finito con la testa in un canale di irrigazione. Quando poco dopo e’ stato trovato da un’altra persona, era ormai deceduto. Sono intervenuti la Croce bianca e i carabinieri di Naturno.

CUNEO – Incidente mortale sul lavoro in un magazzino di materiali per l’edilizia di Bagnolo Piemonte. Un operaio cinese e’ morto schiacciato sotto un blocco di pietra pesante diverse tonnellate, probabilmente caduto dalla benna di una draga, durante il trasporto. L’uomo sarebbe morto all’istante. Inutili i soccorsi di 118 e vigili del fuoco giunti rapidamente a Bagnolo. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’operaio. L’incidente e’ avvenuto alla BF&P, in via Bibiana 2. L’uomo, del quale non sono ancora state rese note le generalita’, in attesa di avvertire i parenti, aveva 54 anni e da tempo abitava e lavorava nel Saluzzese. Lascia moglie e due figli maggiorenni.

09 GIUGNO

VOLTERRA (PISA) – Un uomo e’ morto stasera mentre stava lavorando in un terreno in localita’ Spicchiaiola, nel comune di Volterra. Da quanto emerso al momento sarebbe rimasto incastrato in un macchinario agricolo per comprimere il fieno in balle. Sul posto e’ stato fatto intervenire anche l’elisoccorso ma l’intervento dei sanitari si e’ rivelato inutile. Accertamenti sono in corso da parte dei carabinieri per ricostruire la dinamica dell’incidente sul lavoro, avvenuto poco prima delle 20. Aveva 47 anni ed era di nazionalita’ marocchina l’uomo morto.

08 GIUGNO

NOVI LIGURE (ALESSANDRIA) – Un caporeparto dell’Ilva di Novi Ligure (Alessandria) – Pasquale La Rocca, di 31 anni – e’ morto, schiacciato da un muletto, la scorsa notte mentre lavorava nello stabilimento siderurgico. Nonostante l’incidente, l’attivita’ della fabbrica non e’ stata sospesa e per protesta i sindacati hanno proclamato uno sciopero immediato dei turni della notte. Le Rsu hanno proclamato lo sciopero anche per i turni di stamani e del pomeriggio. L’incidente – si e’ appreso dai Vigili del fuoco intervenuti sul posto – e’ avvenuto durante una manovra di retromarcia per lo spostamento di un carico. Per cause in corso di accertamento da parte dello Spresa e dei tecnici della Asl, il muletto si e’ ribaltato e l’operaio e’ rimasto schiacciato.

05 GIUGNO

SALERNO – Un operaio di 52 anni, Michele Vecchio, e’ morto a Padula, nel Salernitano. L’operaio, dipendente di una fabbrica di lavorazione del marmo, e’ rimasto incastrato fra due lastre, morendo sul colpo. Vani i tentativi dei soccorritori. Sulla tragedia sul lavoro (e’ la seconda vittima nel giro di tre giorni nel Salenitano) indagano i carabinieri del comando provinciale di Salerno coordinati dalla procura della repubblica presso il tribunale di Sala Consilina.

04 GIUGNO

NUORO – E’ morto questa mattina nell’ospedale di Nuoro, a causa delle gravi ferite riportate nell’incidente di lavoro, Paolo Paba, di 52 anni, il piastrellista che il 2 giugno scorso in localita’ Bau Ilixe, ad Aritzo (Nuoro), era rimasto vittima di un infortunio. Mentre svolgeva alcuni lavori era caduto da un terrapieno alto circa quattro metri e aveva riportato lesioni che i medici avevano ritenuto subito gravi. I carabinieri della stazione di Belvi’ hanno provveduto ad informare l’autorita’ giudiziaria, mentre sono in corso indagini per accertare modalita’ dell’incidente e eventuali responsabilita’.

PESCARA – Incidente mortale sul lavoro nel primo pomeriggio in una ditta di Manoppello (Pescara). La vittima e’ un operaio 61enne di Chieti, Giustino Fusco. E’ stato colpito alla testa da un pannello in acciaio che stava scaricando da un autocarro. E’ morto subito dopo. Sono intervenuti i carabinieri.

02 GIUGNO

SALERNO – Precipita dal tetto di un capannone dove era impegnato a rimuovere la copertura di eternit. E’ accaduto nella zona industriale di Salerno dove un operaio di 41 anni ha perso la vita precipitando al suolo mentre era intento a rimuovere la copertura di un capannone industriale adibito a deposito. L’operaio e’ morto sul colpo. Nulla hanno potuto infatti i soccorritori del servizio 118 prontamente accorsi sul luogo della tragedia. Sull’episodio indagano gli agenti della sezione volanti della questura di Salerno, diretti dal vice questore Rossana Trimarco.

This entry was posted in Morti 2012 and tagged , , , , . Bookmark the permalink.