A Terni la questura lede lo stato di diritto.

GRAVE INTIMIDAZIONE A DANNO DI 12 COMPAGNI COBAS E ANTIFASCISTI

Il Questore di Terni , abusando dei suoi poteri – attraverso misure amministrativo/repressive, ancora previste dalla famigerata “ legge Scelba del ‘56” e dal TULPS fascista – sta intentando di sequestrare i fondamentali diritti politici sanciti dalla Costituzione a 12 compagni , tra i principali animatori della vita sindacale , sociale,culturale e politica del territorio Ternano.
A questi compagni è stato applicato il provvedimento  "dell’avviso orale ”, una pesante minaccia tesa ad impedire le libertà individuali e di movimento , che impone “ di tenere comportamenti conformi alla legge(Scelba) , in caso contrario saranno proposti al Tribunale di Terni per l’applicazione della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, prevista dall’art.3-L.1423/56 e successive modifiche previste dalle leggi 128/2001 e 94/2009 “.
Se queste disposizioni autoritarie , nonché faziose e coercitive , trovassero applicazione ovunque, la vita politica, la convivenza civile e i diritti costituzionali in Italia, sarebbero già sotto il sequestro di una tirannia di stampo fascista !
Peraltro, dopo la sconfessione e l’azzeramento dei Teoremi Questurino-Giudiziari sanzionati dalle Sentenze Assolutorie riguardanti i compagni di “ Cosenza e Taranto”, in cui erano imputati anche alcuni rappresentanti Cobas , nessuna istituzione governativa era arrivata a tanto !
Il Coordinatore della Confederazione Cobas della Provincia di Terni, Franco Coppoli, e un lavoratore Cobas della Tyssen Krupp, sono nella illegale “ lista nera” predisposta dalla Questura di Terni-Divisione Anticrimine-Sezione misure di prevenzione e sicurezza .
Ciò la dice tutta sulle subdole intenzioni del Questore di Terni , che interviene a “ gamba tesa” contro i protagonisti della ripresa conflittuale nel tessuto produttivo e sociale Ternano, sottoposto ai diktat padronali della Tyssen Krupp ( un mixer di clima da caserma condito con ritorsioni antisindacali e infortuni-morti del lavoro) , agli scempi della devastazione ambientale , agli scandali della Pubblica Amministrazione,alle provocazioni dei neofascisti.
Il Questore e la Questura di Terni, invece di intervenire a tutela della “legalità repubblicana”- di imporre il rispetto dei principi costituzionali e di sanzionare sopraffattori,corruttori e fascisti – si scagliano contro quanti ,esercitando il possesso dei Diritti Fondamentali denunciano, attraverso manifestazioni,scioperi e altre forme di protesta, la lesione di quei diritti pretendendone il ripristino.
Di fatto , con questa grave intimidazione la Questura di Terni si schiera a fianco del padronato, dei devastatori e dei fascisti, contro l’esercizio del diritto di sciopero e attività sindacali, contro la libertà di manifestare,contro il diritto di resistenza teso ad impedire la “ ricostituzione del partito fascista”, le connesse azioni squadristiche e il vilipendio della Costituzione antifascista !
La Confederazione Cobas , parte integrante di un vasto e diffuso movimento proteso al rinnovamento profondo della società italiana – usurpata e avvilita da una cricca politico-economica corrotta e alla bancarotta – non smetterà un attimo dal denunciare soprusi e crimini da qualsiasi parte provengano pretendendo, come in questo caso per i propri esponenti e per gli antifascisti, il ritiro degli odiosi provvedimenti e la sanzione di chi li ha partoriti .
La Confederazione Cobas nel rinnovare la incondizionata solidarietà e stima a Franco Coppoli , al lavoratore della Tyssen Krupp e agli antifascisti del territorio Ternano, si adopererà in tutte le sedi per far valere le argomentazioni democratico-costituzionali, impegnando l’intero quadro militante a sostegno delle iniziative locali e nazionali per sconfiggere la deriva autoritaria in corso.

Roma 10 giugno 2010 Confederazione Cobas

This entry was posted in Comunicati. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *