Giovedi 27 all’Università La Sapienza

Ascolta il seminario.
Intervento della scrittrice e autrice del libro Laura Corradi (45′); intervento di Giovanni Ghirga (15′ 18”) sull’inquinamento delle nanoparticelle; intervento di Antonio Valessine sull’acqua (44 minuti).

Ascolta la trasmissione a Radiondarossa con Laura Corradi e Giovanni Ghirga

Giovedi 27 novembre 2008 il comitato contro le morti e gli infortuni sul lavoro di Roma propone il primo di un ciclo di dibattiti  che si terranno nelle tre università romane, dedicato alle cause che portano ogni giorno ad almeno 4 morti e centinaia di feriti e invalidi sul lavoro nel nostro paese. La violenza della precarietà è gia un prezzo altissimo che stiamo pagando della crisi economica e finanziaria.
Tema del primo incontro "Precarietà e salute",  si svolgerà nella facoltà di Fisica Vecchia Università La Sapienza aula Amaldi

ore 15,30

Presentazione di "Salute e ambiente. Diversità e disuguaglianze sociali." di L.Corradi, Carocci, Roma 2008.
Ne parliamo con:
Laura Corradi, docente presso il Dipartimento di Sociologia Università della Calabria.
Giovanni Ghirga, pediatra tra i 330 firmatari del coordinamento dei medici e farmacisti contrari alla riconversione della centrale ENEL di Torre Valdaliga Nord
Antonio Valessine di Medicina Democratica

Ore 17.00 Proiezione del cortometraggio "Senza chiedere scusa"

Ore 17.15 Presentazione del blog nomortilavoro.noblogs.org

Il libro
Questo volume ha per oggetto le differenze e le disuguaglianze nella salute.
Non solo quelle nella sanità, spesso alla ribalta delle cronache nel nostro paese proprio per la loro evidenza.
Una iniquità di trattamento viene perpetrata infatti ai danni delle persone malate delle classi più svantaggiate in termini economici e di istruzione: coloro che entrano nel sistema sanitario pubblico senza   raccomandazioni, senza l’esperienza necessaria, senza potere di negoziazione con l’istituzione sono più frequentemente vittime di negligenza e abusi.

This entry was posted in Agenda. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *